Informazioni pratiche

Quando è meglio organizzare un viaggio nel paese?

Il prima possibile! I voli per il Madagascar non sono molti e non sono giornalieri. E’ quindi probabile che in periodi di alta stagione i prezzi salgano o addirittura sia difficile trovare posto in classe turistica. Inoltre alcuni dei Lodge più suggestivi poi dispongono solo di poche camere ed è quindi meglio prenotare per tempo. È possibile partire anche all’ultimo minuto, forse, ma se volete risparmiare e aver la possibilità di scegliere le strutture migliori è meglio organizzarsi almeno 3 o 4 mesi in anticipo.

Come si ottiene e quanto costa il visto?

Il visto si ottiene direttamente in aeroporto all’arrivo in Madagascar ed è gratuito. Non sono richieste foto ne’ altra documentazione. L’importante è avere un passaporto valido per almeno 6 mesi con due pagine consecutive completamente libere per i visti.

Esistono Vaccinazioni obbligatorie per entrare nel paese?

No, non è richiesta nessuna vaccinazione obbligatoria a meno che non si provenga da paesi dell’africa continentale. In quel caso può essere richiesta la febbre gialla per evitarne l’importazione in Madagascar, dove la malattia non è presente.

Quale valuta conviene portare?

Essendo il Madagascar una ex colonia francese la moneta malgascia è sempre stata collegata prima al franco poi all’euro. Conviene quindi portare euro piuttosto che dollari. Il cambio più conveniente solitamente si può ottenere all’arrivo in aeroporto o comunque nella capitale. Oltre ad Antananarivo è possibile cambiare nelle altre grandi città come Antsirabé, Tamatave, Tulear, Morondava… mentre può essere difficile o impossibile nei paesi più piccoli e con tassi meno favorevoli. Anche se a dir il vero si parla sempre di pochi euro di differenza.

Carte di credito

Sono poco usate e possono esser utili solo in rarissimi casi. Anche ritirare dei soldi con la carta di credito non è facile. Ad Antananarivo ed Antsirabé esistono degli sportelli automatici, pochi, altrimenti serve fare lunghe file in banca con esito non scontato. Meglio portare, per quanto possibile, il contante necessario.

Si può fare un Safari in Madagascar?

Il Madagascar è la patria della biodiversità ed endemicità di flora e fauna. Quest’ultima è tutta di piccola taglia e la maggior parte si è specializzata nel mimetismo! Quindi niente safari ma piuttosto un’affascinante ricerca tra le fronde di camaleonti multicolori, geki dalle forme bizzarre, rane vedi come foglioline o rosse come pomodori, uccelli rarissimi… La specie endemica più nota è il sonoloro: i lemuri! Sono presenti su tutto il territorio e si suddividono in oltre 80 specie… prima o poi in viaggio li si incontra sempre!

Corrente elettrica e prese

La corrente elettrica è a 220, come in Europa e le prese sono su tipo francese quindi non occorre avere adattatori ma serve comunque fare attenzione alle spine dei vostri apparecchi. In Italia spesso le spine richiedono la presenza a parete di tre fori mentre solitamente in Madagascar le prese non hanno il foro centrale.

Il cellulare funziona?

Ormai buona parte del territorio, o meglio, delle zone visitate ha una copertura cellulare. È quindi possibile chiamare o ricevere telefonate durante il viaggio direttamente dal proprio cellulare. Per limitare la spesa è consigliabile acquistare una scheda locale. Il costo di una telefonata dal Madagascar all’Italia in questo modo sarà decisamente inferiore!

Religione

La popolazione in Madagascar è di prevalenza cristiana. Il cristianesimo si è ben radicato nella cultura locale sovrapponendosi alle tradizioni animistiche dando vita a volte a curiose forme di “integrazione”.

Alcolici

Nessuna restrizione al consumo, alla vendita… o alla produzione di alcolici. In Madagascar si produce vino, buona birra ed un ottimo Rum spesso aromatizzato con spezie, frutta, etc.

bit milano
baoba del Madagascar